Archivio Cederna

La Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, dopo la donazione degli eredi, ha in deposito, presso la sede di Capo di Bove, l’archivio di Antonio Cederna (Milano, 27 ottobre 1921 - Ponte Valtellina, 27 agosto 1996) giornalista, intellettuale, saggista, politico e difensore instancabile del patrimonio culturale e paesaggistico italiano.
Il fondo si compone di materiali che coprono un arco cronologico che va dagli anni Quaranta  agli anni Novanta  del Novecento:

  • circa 1500 unità archivistiche ordinate in fascicoli e buste contenenti corrispondenza ufficiale e personale, appunti manoscritti, prime stesure di pubblicazioni, materiale a stampa di vario genere, documentazione di lavoro, articoli etc.; il materiale riguarda argomenti di tutela paesaggistica, speculazione edilizia, battaglie ambientalistiche, legislazione su temi storico-artistici-ambientali;
  • mappe e planimetrie;
  • collezione fotografica;
  • documentazione cartacea e fotografica di Cederna.


E’ anche conservata la biblioteca di Antonio Cederna composta da circa 4.000 volumi di diverso argomento (archeologia, storia di Roma, Storia dell’Arte, urbanistica, architettura, ambiente, legislazione sulla salvaguardia di beni storico-artistici e paesaggistici).
L’Archivio è stato dichiarato di interesse storico particolarmente importante ai sensi degli artt. 13 e 14 del d. lgs. 42/2004.
Sono in corso i lavori di digitalizzazione dell’intero complesso documentario, in parte consultabile sul sito www.archiviocederna.it